le giurie di WINEUP EXPO 2019

CONCORSO CULINARIO (giuria Chef)
Ciccio Sultano

CICCIO SULTANO:

Ciccio Sultano è l’anima insieme a Gabriella del ristorante due stelle Michelin Duomo a Ragusa ibla;  Torinese ( solo di nascita) ma SIciliano nel cuore, Sultano si è fatto da solo,  prima veste i panni del muratore, ma capisce che il suo destino è un’altro; inizia da tuttofare in pasticceria si aggiorna poi con riviste del settore mentre passa le notti in una spaghetteria a Marina di Ragusa. Solo una cosa non è mai cambiata l’ambire all’eccellenza in tutto, dalla scelta delle materie prime alla supervisione del lavoro fino alla passione che pervade ogni idea prima, ogni creazione dopo.

Una passiona, la sua, instancabile che lo trascina prima in Germania poi negli Usa. E che alla fine lo riporta nella sua Sicilia.

Da oltre 15 anni Ciccio ha fatto del suo ristorante il punto di riferimento dell’alta cucina Siciliana; prima stella nel 2004 la seconda dal 2006. Passione ricerca contaminazione sono i codici della sua visione gastronomica che pesca nella storia del territorio, ricomponendola con dinamismo contemporaneo, cogliendone ed esaltandone l’essenza senza cadere nel decorativismo.

PATRIZIA DI BENEDETTO

PATRIZIA DI BENEDETTO:

Nata a Palermo nel 1960 Patrizia Di Benedetto ha da subito condiviso l’amore per la cucina con le donne della sua famiglia e, nonostante abbia scelto un percorso di studi diverso, non ha mai smesso di coltivarlo, tanto che nel 1991 apre insieme al marito e sommelier il Bye Bye Blues.

Una meta di riferimento per la buona cucina in città, dove i piatti affondano le radici nella tradizione a tavola tipica del Sud, sempre però personalizzati dalla mano della cuoca, che costantemente si aggiorna grazie ai corsi di cucina e stage all’estero: tra questi è bene ricordare esprerienze a Los Angeles e corsi alla Cast alimenti di Brescia.

nel 2011 la svolta: la tanto ambita stella Michelin che premia la freschezza  e la geniunità dei prodotti del territorio, le tecniche di cottura sempre aggiornate e l’occhio di riguardo sempre dato all’aspetto nutritivo del piatto, un giusto equilibrio tra gusto e salute

TONY LO COCO

TONY LO COCO:

«Venivo da un altro mondo». così si esprime Tony Lo Coco, 44 anni, parlando delle sue esperienze passate e del perché la sua stella Michelin sia una sorta di magia che ha reso la sua storia qualcosa di simile a un film o a una fiaba.

Un riconoscimento prestigioso, che ha fatto diventare un punto di riferimento Siciliano per tutti gli amanti della cucina che conta, il suo ristorante, I Pupi.

24 coperti a Bagheria (Palermo). Un premio molto ambito, arrivato grazie alla determinazione di chi sa compiere scelte coraggiose per fare della propria passione il lavoro della vita.

I clienti non sono soltanto numerosi, ma anche molto noti: Lo Coco ha cucinato per Bill Gates, il Dalai Lama, il principe Harry, Charlize Theron, Rania di Giordania, i reali di Danimarca, Sean Penn…

I Pupi sono stati inclusi così in diverse guide: un passo decisivo. «Ma la Michelin mi mancava. Fino al 2014, quando è arrivata. Ed è cambiato tutto. Io, che mai avevo fatto gavetta in altre cucine, che ero partito dal nulla, ero arrivato alla stella. Un risultato incredibile». Da quel momento, oltre a una ritrovata fortuna, è scattata anche «una pressione positiva per fare sempre meglio e magari, nel tempo, chissà, aggiungerne un’altra».

Claudio Ruta

CLAUDIO RUTA:

deus ex machina e anima pulsante del ristorante La Fenice, classe 1971, ragusano d’origine anche se lui si  definisce semplicemente italiano. Alle spalle una gavetta importante che spazia in varie zone d’Italia. La sua storia inizia nel 1984 quando, appena adolescente, incuriosito ed affascinato dal mondo della ristorazione, decide di frequentare un semplice corso di formazione, iniziando dalle basi, per capire, come dice sempre lui: “La differenza tra una padella e un bicchiere”.

La sua voglia di evadere e crescere, lo porta lontano dalla sua città d’origine (Ragusa) e, nonostante la giovane età (solo sedici anni), gli si presenta l’occasione, che coglie al volo, di andare a lavorare in un villaggio extra lusso in Sardegna, gestito da una catena alberghiera francese.
Poi è stata la volta di un altro albergo nelle Marche e a seguire al Sottomarina di Venezia, albergo quattro stelle, gestito dalla famiglia Boscolo.

Nel 2010 arriva, all’interno del ristorante poi battezzato La Fenice, l’ambita stella Michelin, un ulteriore riconoscimento e ricompensa per il lavoro svolto.

ACCURSIO CRAPARO

ACCURSIO CRAPARO:

“il cuoco delle due Sicilie”, così chiamano Accursio Craparo, perché le suggestioni dell’infanzia e le ispirazioni dell’esperienza lo hanno portato a viaggiare tra quella dell’ovest e quella dell’est. Come due regioni distanti, ognuna di loro ha una propria storia che influenza i riti del gusto: le separano mille contraddizioni, ma le unisce una sconfinata ricchezza della natura che Lo Chef Craparo cerca di custodire tutta, esaltandola nella Sua cucina.

Il suo ristorante “Accursio Ristorante” la considera la sua casa, e questa casa è per Lui come un approdo lungo un fiume di storia. Nel cuore di Modica, nei bassi di un antico palazzo del Corso, si trova la sua  piccola cucina e qui Vi invita a fermarvi per godere di secoli di cultura.
Come dice Accursio “Vorrei che in questo luogo ci si ritrovasse come attraversando tutte le Sicilie, di mare e di terra”.

Il suo ristorante è un baricentro ideale tra Sciacca e Modica, che sono i luoghi della sua storia, dove cominciano i suoi racconti fuori e dentro la tavola. Gran parte del fascino della Sicilia è come custodito in uno scrigno: nella sua  casa ve ne offre una chiave.

FRANCESCO ARENA

FRANCESCO ARENA:

Classe 1976, Francesco Arena, Messinese, fin da piccolo ha considerato il laboratorio del Panificio Masino Arena (di famiglia da tre generazioni) il suo parco giochi e il suo grande amore. Qui comincia i primi esperimenti miscelando e impiastricciando le farine.

A 20 anni decide di iniziare a lavorare nel panificio e di seguire le orme del padre Masino, che lo guida da subito, grazie ai suoi anni di esperienza, rendendolo un professionista.

Nel 2016 supera l’esame di ammissione al Richemont Club Italia sez sud e nello stesso anno si iscrive alla facoltà di Scienze Gastronomiche di Messina.
Sempre nel 2016, durante il Salone del Gusto di Torino, è chef bakery ufficiale dello stand Sicilia.

Nel dicembre del 2018 i suoi panettoni artigianali sono stati inseriti fra i migliori 20 panettoni d’Italia da “La Cucina Italiana” mentre nel 2019 ha vinto il premio “Best in SIcily” come migliore fornaio Siciliano

EMANUELE MASSARI

EMANUELE MASSARI:

Emanuele Massari può considerarsi a pieno titolo il più grande dei pasticceri ragusani in attività, la sua passione ed il suo amore per la pasticceria lo rendono grande mentre la sua gentilezza e cortesia lo rendono “Unico”.

La sua pasticceria “Dolcè” risulta essere il fiore all’occhiello della pasticceria ragusana

Vero conoscitore e cultore della tradizione dolciaria Siciliana riesce ad appassionare con i suoi aneddoti legati al mondo della pasticceria Storica Siciliana.

Ama usare nelle sue realizzazioni soltanto il meglio delle produzioni naturali ed è un piacere potere ammirarlo mentre realizza le sue creature con i profumi che sanno di SIcilia che sanno di buono.

CHICCO CEREA

CHICCO CEREA:

Jacques Cagna a Parigi, Rovere Verger sulla Costa Azzurra,  Heinz Winkler a Monaco, El Bulli a Rosas; Jean Gorge Vongherichten e Sirio Maccioni a New York. Solo alcune delle grandi esperienze professionali che hanno formato quello per molti è il più grande Chf italiano CHICCO CEREA.

Enrico Cerea, detto Chicco, primogenito di Bruna e Vittorio, è caduto bambino nelle pentole di famiglia… La passione lo ha contagiato a tal punto che ogni momento libero, a cominciare dalle vacanze scolastiche, è diventato un pretesto per seguire, curiosare, studiare i segreti delle cucine di tutto il mondo.
Sorretto da un talento mai autocelebrativo, ha acquisito uno stile personalissimo, miscelando le ricette della cucina di Vittorio con la sensibilità e la tecnica appresa negli anni. Non ha mai smesso di imparare.

A capo di una brigata che conta su più di venti collaboratori, Chicco Cerea è un cuoco totale, completo, esperto. Quella per i dessert rimane tuttavia la sua prima e irrefrenabile passione, oggetto di continua e approfondita ricerca.

Nell’olimpo dell’alta cucina dal 2009, quando la prestigiosa guida Michelin gli conferisce, insieme al fratello Bobo, la terza stella come massimo riconoscimento, Enrico Cerea corona oggi una lunga carriera lavorativa che lo ha portato a rappresentare, con il ristorante di famiglia “da Vittorio”, quello che viene definito il modello di ospitalità della ristorazione italiana del futuro.

CONCORSO CULINARIO (giuria Giornalisti)
Edoardo Raspelli

EDOARDO RASPELLI:

è un giornalista, scrittore e gastronomo italiano. Ha stipulato con la Reale Mutua Assicurazioni una polizza su gusto e olfatto, assicurandoli per circa 500.000 euro

Nel 1969 inizia a scrivere sul Corriere della Sera diretto da Giovanni Spadolini

Il 10 ottobre 1975, su ordine del direttore di allora, Cesare Lanza, dà vita sul quotidiano milanese alle pagine settimanali dedicate ai ristoranti, con la rubrica di stroncature “Il faccino nero”

Nel 1986 (l’anno di fondazione) e per qualche tempo a seguire è stato responsabile del Gambero Rosso, ai tempi supplemento del quotidiano il manifesto, uno dei fondatori (1978) della Guida d’Italia dell’Espresso, che poi curerà come responsabile tra il 1996 ed il 2001, occupandosi anche delle due pagine della rubrica “Il Goloso”, pubblicata sul settimanale L’Espresso.

Dal 1986, ora ogni giovedì, sul quotidiano La Stampa Raspelli pubblica le proprie recensioni critiche su alberghi e ristoranti. Ha una rubrica tutti i sabati sul Piacere della Lettura, il settimanale fondato da Bruno Vespa ed Andrea Cangini per QN, il Quotidiano Nazionale, dorso comune a tre quotidiani ( Il Giorno , Il Resto del Carlino, La Nazione). Editorialista del mensile Melaverde Magazine, firma anche su In Famiglia ed Ora.

Fra i programmi televisivi cui ha partecipato Edoardo Raspelli: Star bene a tavola (con Anna Bartolini, su OdeonTV), Che fai, mangi? (con Anna Bartolini e Carla Urban/Enza Sampò su Rai 2), Eat Parade (rubrica del TG2 su Rai 2) e ha partecipato nel 1999 alla trasmissione Fenomeni (in prima serata, su RAI 2) con Piero Chiambretti, Aldo Busi e Giampiero Mughini.

Dal 1998 Edoardo Raspelli ha iniziato ad apparire ( prima come inviato poi come conduttore, ogni domenica mattina su Rete 4 nel programma Melaverde, per anni in collaborazione con Gabriella Carlucci, poi con Elisa Bagordo ed ora con Ellen Hidding. Il programma dal 2012 va in onda su Canale 5.

È stato ospite della prima edizione di MasterChef Italia.

ALESSANDRA MELDOLESI

ALESSANDRA MELDOLESI:

Alessandra Meldolesi è giornalista enogastronomica, sommelier, traduttrice specializzata e food writer. Dopo la laurea e un breve passaggio alla Comunità Europea, ha abbracciato il mondo della cucina, a cominciare dai fornelli. In veste di cuoca ha studiato e lavorato in Francia, al fianco di chef prestigiosi come Marc Meneau. Fra le opere già sfornate una monografia sullo Champagne con le ricette dell’Enoteca Pinchiorri, il primo ricettario di Carlo Cracco e una prestigiosa miscellanea sull’alta cucina spagnola, da Ferran Adrià ad Andoni Luis Aduriz, collabora da free lance con le più importanti testate enogastronomiche italiane, La Madia, Reportegourmet etc.

ANTONELLA DE SANTIS

ANTONELLA DE SANTIS:

Iniziare a scrivere di teatro per scoprire, con il tempo, il mondo del cibo. E’ questa la parabola di Antonella De Santis, una lunga esperienza in un settimanale locale romano, e, dal 2012, nella redazione di Gambero Rosso, dove si occupa prevalentemente dei contenuti per il sito web oltre che a scrivere anche per il mensile,ed il settimanale della medesima testata.

A differenza di molti miei colleghi, non ho iniziato subito a scrivere di enogastronomia, ma ci sono arrivata a poco a poco, in punta di piedi.” cosi definisce Antonella la sua carriera giornalistica;

aggiungiamo noi grande esperta e critica gastronomica fra le più quotate in Italia

 

 

 

ALESSANDRA VERZERA

ALESSANDRA VERZERA:

Alessandra Verzera è una giornalista enogastronomica italiana. Critico e recensore sul magazine on line di cui è Direttore Responsabile – www.sceltedigusto.it – si occupa di Social Media Management, Public & Media Relations e di consulenza e comunicazione aziendali nel settore del Food & Beverage. Conduttrice radiofonica ed ideatrice di alcuni format sulla cucina, ama la cucina tradizionale, finalizzata alla promozione del prodotto a filiera corta ed alla valorizzazione del territorio siciliano, ma non disdegna la cucina stellata, purchè mantenga un legame solido con la tradizione della regione in cui si esprime.

 

TOMMASO FARINA

TOMMASO FARINA:

Tommaso Farina, classe 1981, giornalista professionista, scrive da quando era poco più che maggiorenne. Sommelier diplomato dal 2003, è interessato da sempre alle tematiche del cibo e del vino. Nel 2010 ha vinto il Premio Penisola Sorrentina (sezione giornalismo gastronomico), mentre nel 2014 è stato insignito della Targa Kyle Phillips, che l’Associazione Stampa Agroalimentare Toscana attribuisce al giornalista under 35 che si è maggiormente distinto per anticonformismo.

Collabora da tanti anni ormai, sin dal 2001 con il giornale “Libero” e Mantiene tuttora la sua storica rubrica Libero.

In questi anni ho collaborato per Il Sommelier Italiano, Vita, Radio 101, PlayTv. Ha inoltre firmato come collaboratore le edizioni 2001, 2002 e 2003 della Guida dei ristoranti de L’Espresso. Collabora tuttora col periodico di resistenza gastronomica Papillon, e per le guide edite dal Gruppo Comunica.
A tutt’oggi, collabora pure con Sky Sport24, per cui cura una rubrica di approfondimento sugli aspetti culinari di calcio e sport.

 

CONCORSO ENOLOGICO
Gianpaolo Giacomelli

GIANPAOLO GIACOMELLI:

È nato a Lerici, vive a Castelnuovo Magra ed è quindi uomo di confine tra Toscana e Liguria. Al momento della “scelta” ha deciso di seguire la passione per le cose buone invece del comodo lavoro dietro una scrivania. Così la “scelta” lo ha portato a Londra a frequentare i corsi per Master of Wine, finendo tempo e soldi prima di arrivare agli esami. A suo tempo ha aperto un winebar, poi un’enoteca e alla fine una associazione culturale, un wineclub, dove, nella figura di wine educator, propone serate di degustazione e corsi. Fa scorribande enoiche assaggiando tutto quello che può, alla ricerca sempre di nuovi vini.

Selezionatore di cantine per importatori esteri. Ha collaborato con varie testate del settore, Ha preso parte alla nascita della guida vini dell’Espresso, alla guida Vini Buoni d’Italia ed ha fondato insieme con Carlo Macchi ed altri il sito www.winesurf.it.

ROBERTO GATTI

ROBERTO GATTI:

Sommelier Ais dal lontano 1990, è stato viticoltore dal ’90 al 2000. Giornalista del vino, cura il suo seguitissimo sito : www.winetaste.it e collabora da oltre 15 anni al portale enogastronomico : www.vinit.net. Giudice accreditato ai maggiori concorsi nazionali ed internazionali da circa 20 anni

E’ presidente di giuria al Concorso Mondiale di Bruxelles da oltre 15 anni

ANTONIO DI SPIRITO

ANTONIO DI SPIRITO:

Il vino ha sempre fatto parte della sua vita; dal 1974 vinifica le uve acquistate e nel 1981 ha impiantato una piccola vigna che coltiva tutt’oggi, sempre per il consumo familiare. Dal 2006 si è dedicato interamente al mondo del vino; dopo aver seguito tanti corsi, ha ricoperto il ruolo di docente alla Rome Wine Academy School, organizzando e guidando degustazioni, partecipando alla stesura di una Guida annuale ai Migliori Vini e curando la pubblicazione del New Wine Journal online. Dal 2011 è Free Lance Wine Journalist. Dal 2013 collabora con “Lavinium” e dal 2014 anche con “LucianoPignataro WineBlog”. Dal 2014 è Giudice Internazionale al “Concours Mondiale de Bruxelles” e dal 2016 è Membro delle Commissioni di Valutazione del Concorso Enologico Internazionale “La Selezione del Sindaco”. Nel 2015 ha partecipato alle selezioni ed alla scelta dei vini della guida Slow Wine 2016 per la Sardegna e nel 2016 ha fatto parte del panel di degustazione per le selezioni e la scelta dei vini della guida Guida “I vini d’Italia” de L’Espresso. Dal 2018 è curatore ufficiale della guida “I Vini d’Italia del L’Espresso

RICCARDO VISCARDI

RICCARDO VISCARDI:

Vicecuratore della Guida Essenziale ai Vini d’Italia e uno dei principali articolisti di DoctorWine. Di Riccardo Viscardi possiamo dire “due braccia rubate alla chimica”. È quello infatti il suo vero lavoro. Però è un grandissimo degustatore, in primis di sangiovese (è noto anche come Mr. Brunello), in generale di rossi ma è molto preparato anche sui vini bianchi.

STEFANIA VINCIGUERRA

STEFANIA VINCIGUERRA:

Caporedattore di DoctorWine ma soprattutto giornalista professionista da oltre vent’anni, di mestiere ne ha da vendere. Ha mosso i primi passi nel mondo del vino trent’anni fa, affascinata sulla via di Damasco da un corso Ais in cui, tra i docenti, si annidava proprio Daniele Cernilli. Quando poi ha iniziato a lavorare, si è sempre divisa tra una carriera più prettamente giornalistica (ottenendo quasi agli esordi, ancora giovanissima, la direzione del mensile Pane & Vino, e da ultimo, quella di Euposìa) e una carriera nelle public relations, anche extra settore (per tutti, la responsabilità Stampa e Comunicazione del Giro d’Italia e di altre manifestazioni ciclistiche targate Gazzetta dello Sport). Che sia appassionata di vino e di gastronomia è sottinteso, che sappia assaggiare… bè, ha avuto buoni maestri.

JENNIFER DELALOCA

JENNIFER DELALOCA:

Jennifer è una speaker, insegnante, buyer, importatrice e ristoratrice con più di 25 anni di esperienza nel settore del food & beverage. A Copenhagen (Danimarca), Jennifer, insieme a suo marito, ha fondato diversi ristoranti italiani, aziende e club dedicati al vino. Oltre ad essere una ristoratrice e importatrice, Jennifer tiene diversi corsi sul vino. Inoltre, in molte occasioni fa da moderatrice a eventi legati al food & wine e molte aziende, sia grandi che piccole, richiedono i suoi servizi di negoziazione e mediazione per risolvere problematiche del settore. Quest’autunno, Jennifer lancerà il suo primo corso online sul vino. Jennifer tiene inoltre conferenze su #lifedesign e su come tornare al successo dopo il fallimento. Con una laurea in Lingua e Cultura Italiana, Jennifer è anche “Ambassador” della Vinitaly International Academy

RENATO ROVETTA

RENATO ROVETTA:

Renato è giudice di alcuni fra i più importanti concorsi enologici internazionali.

E’ il direttore di “sommelierfriend.com  e realizzatore dell’applicazione sommelierfriend in cantina; è anche il coordinatore di “Musi&Wine la webradio dedicata al mondo del vino ed ed ancora Co-autore della guida “Rosa rosati Rosè  la guida al bere Rosa.

TEODORO SDROULIAS

TEODORO SDROULIAS:

Teodoro è il più famoso dei giudici enologici esistenti, oltre ad avere partecipato ai più importanti concorsi enologici internazionali è pure l’editore della rivista greca “Agrotama” e collabora con le più influenti testate giornalistiche greche che si occopano di enogstronomia.

LORENZO COLOMBO

LORENZO COLOMBO:

Maestro Assaggiatore e Docente O.N.A.V. delegato per la provincia di Lecco. Svolge numerose attività come Docente presso Slow Food, Scuola de La Cucina Italiana, U3 Carate (Università della terza età).

Sommelier A.I.S., Responsabile delle degustazioni, inviato e gestore del sito Web per la rivista online Vin&alia. Ha collaborato alla guida Slow Wine per la Lombardia, partecipa in qualità di giudice a numerosi concorsi di vino nazionali e internazionali.

Collabora da anni alla Guida Slow Food “Osterie d’Italia”. Fa parte del gruppo Garantito Igp.

 

FOSCA TORTORELLI

FOSCA TORTORELLI:

classe 1978, Dottore di ricerca in Architettura, Giornalista Pubblicista. Degustatore Ufficiale A.I.S. dal 2004. Ha ulteriormente perfezionato il suo profilo approfondendo gli aspetti di marketing e comunicazione del vino, con il conseguimento del Master Sommelier ALMA-AIS (Luglio 2016). Da sempre appassionata di enogastronomia, collabora con la società By Tourist srl, come componente del team tecnico del MedCookingCongress, oltre che con diverse testate registrate, tra cui Lavinium, Identità Golose, Cronache di Gusto, DiTestaeDiGola e Napolivillage. Ha inoltre acquisito il titolo di Brand Ambassador, presso l’azienda di Gianfranco Soldera a Montalcino e fa parte dei Narratori del Gusto. Insieme al Centro Studi Assaggiatori di Brescia ha partecipato a panel di degustazione di rilievo nel settore enogastronomico. Collabora alla vita associativa dell’Associazione Italiana Sommelier seguendo i corsi come Segreteria degli stessi, oltre ad aver fatto parte fino al 2017 del Gruppo Servizio. Partecipa inoltre a diversi convegni/manifestazioni enogastronomiche e a commissioni di degustazione.

FRANCESCA FIOCCHI

FRANCESCA FIOCCHI:

Francesca Fiocchi,  giornalista, Donna del Vino, manager della vinicola di famiglia nel cuore dell’Oltrepò Pavese vitivinicolo, in Lombardia. Wine socialit, Moderatrice di incontri letterari, anche per Rizzoli; scrive per la testata online WineStop&go di cui è anche la direttrice ma anche per “Corriere delle Sera”, “L’opinione della libertà”, “Visto”, “Star Tv”, “Famiglia Cristiana”, “La provincia Pavese” etc.

 

 

NICHELE SHAH

MICHELE SHAH:

Michele è probabilmente oggi la più autorevole consulente all’export. Di origine inglese ma residente in Toscana ormai da numerosi anni, Michele si è accreditata tra le maggiori esperte dei mercati internazionali e, in particolare, ha sviluppato una lunga esperienza nell’organizzazione di incontri b to b tra le imprese del vino italiano è i maggiori importatori e buyer di tutto il mondo.

Scrive per: winespectator.com, decanter.com, wine-business-international.com, sanpellegrino.com e mensilmente sulle colonne di winenews.it inoltre scrive articoli per giornali e riviste specializzate, tra le quali: Wine Business International, Wine Spectator, Decanter, Corriere Vinicolo, Sommelier India, Wine & Spirit, ONL, Wine International, Harpers, Wine & Spirit International, Vini, San Pellegrino, Slowfood, Bibenda, Wino Magazyn (Poland), Der Feinschmecker – Wein Gourmet , Sommelier India, Le Connoisseur – Fine wine in Porto Rico, Czas Wina and Oberoi Group Magazine-Asia

 

 

GIANNI PATERNO’

GIANNI PATERNO’:

Un ingegnere idraulico non più giovane con genealogia madonita che, stanco di aridi numeri e insapore acqua, negli anni della pensione, non avendo di meglio da fare, da qualche anno si è dedicato al mangiar bene: ai ristoranti, all’olio, ai formaggi, alla grappa e specialmente al vino, ma non per dimenticare bensì per scriverne in importanti giornali online di enogastronomia, e per non farsi mancare niente scrive anche di auto. Dopo 7 anni di collaborazione con cronachedigusto.it da 2 è corrispondente Sicilia del network Italia a Tavola dove ha pubblicato oltre 150 articoli nel giornale online www.italiatavola.net curando anche 2 rubriche fisse sul mensile a stampa patinata Italia a Tavola. Grazie alla sua formazione ed esperienza specialmente nel settore enoico fa parte della giuria di importanti concorsi internazionali: Concours Mondial de Bruxelles, Berlin Wine Trophy, Emozioni dal Mondo, Serendipity.

 

 

Marsala Capitale del Gusto

07 – 10 NOVEMBRE 2019